• 21/04/2024 5:56

Centro Caltagirone | Turismo, Aziende, Eventi | La tua guida completa a Caltagirone e dintorni

Blog - Centro Caltagirone | La tua guida completa a Caltagirone e dintorni | Turismo, Aziende, Eventi | Portale Calatino Network dal 2005 online

Strisce blu e parcheggio Santo Stefano, stop a Sostauto. Da lunedì 18 maggio, in attesa della nuova gestione, non si paga: i contenuti dell’ordinanza. Il sindaco Ioppolo. “Si volta pagina”

“Si volta pagina. Da lunedì 18 maggio, in attesa di una nuova gestione e di un’attenta rivisitazione degli stalli, tanto nel numero, quanto nell’allocazione, la sosta nelle strisce blu non si paga. Diamo così concreta attuazione a uno dei punti centrali del programma amministrativo”. Questo l’annuncio del sindaco Gino Ioppolo, il quale anticipa che “a breve sarà convocata una conferenza stampa per illustrare nel dettaglio i contenuti e gli effetti del provvedimento”.

            Si tratta dello stop, deciso dall’Amministrazione comunale, alla gestione, da parte di Sostauto, del parcheggio Santo Stefano e delle zone blu, con ingiunzione di rilascio e sgombero del parcheggio stesso, di rimozione dei parcometri e sospensione del servizio di sosta a pagamento sia nelle strisce blu, sia nel parcheggio multipiano. L’ordinanza, pubblicata oggi all’albo pretorio e firmata dal dirigente dell’Area tecnica del Comune, ingegnere Sebastiano Leonardi, rappresenta il culmine del procedimento amministrativo iniziato con la delibera di Giunta municipale dell’8 giugno 2019 con cui, “preso atto delle risultanze istruttorie della Commissione consultiva sui contratti”, si avviò l’iter “per la dichiarazione di decadenza, per le numerose e gravi violazioni riscontrate, delle concessioni amministrative di cui alla convenzione siglata fra il Comune e la Società l’1 agosto 2007”. Seguirono la determina dirigenziale del 9 agosto 2019 relativa alla “Dichiarazione di decadenza senza indennizzo alcuno da tutte le concessioni e i diritti connessi relativi tanto al parcheggio, quanto alla sosta nelle zone blu”. Un altro passaggio significativo riportato nell’ordinanza dirigenziale è la sentenza del Tar di Catania n. 489/2019, non impugnata da Sostauto s.r.l., che ha dichiarato inammissibile il ricorso di quest’ultima per difetto di giurisdizione “con riferimento anche alla richiesta, avanzata dalla Società, di sospensione cautelare della determina di decadenza della concessione”.

         Il provvedimento ingiunge a Sostauto: “Il rilascio e lo sgombero, entro 10 giorni dalla notifica dell’ordinanza stessa, del parcheggio Santo Stefano, edificio di proprietà comunale; la rimozione, entro lo stesso termine, dei parcometri installati lungo le vie della città; la sospensione, a data da stabilirsi, del servizio di sosta a pagamento sia nel parcheggio multipiano, sia negli 892 stalli blu dislocati nel territorio urbano, con immediata disattivazione dei parcometri e di ogni forma di riscossione a carico degli utenti”. Avverte la Società che, “trascorso il predetto termine, da intendersi in modo perentorio, la rimozione verrà eseguita d’ufficio alle 10 del 29 maggio e le relative spese saranno poste a carico della Sostauto. Il Comando Polizia Municipale non dovrà procedere, a seguito di eventuali presentazioni di cedolini da parte della Sostauto, all’emissione di contravvenzione per mancato pagamento del servizio di sosta a pagamento sia all’interno del parcheggio interrato, che nelle strisce blu”.

            “Sostauto – conclude il sindaco – non ha più alcun titolo per elevare contravvenzioni. Da lunedì 18 maggio i cittadini non devono più pagare e non rischiano nulla. Contiamo, nel giro di poche settimane, di addivenire a una nuova gestione del servizio con una rideterminazione degli stalli, in modo da porre fine alle situazioni penalizzanti, e con l’eliminazione totale del pagamento domenicale. I dipendenti della ditta non devono temere nulla, perché salvaguarderemo il loro posto di lavoro” .