• 29/05/2024 4:07

Centro Caltagirone | Turismo, Aziende, Eventi | La tua guida completa a Caltagirone e dintorni

Blog - Centro Caltagirone | La tua guida completa a Caltagirone e dintorni | Turismo, Aziende, Eventi | Portale Calatino Network dal 2005 online

Reddito di cittadinanza, “fase 2” con l’obbligo di attività socialmente utili: domani 22 gennaio riunione per l’elaborazione dei Progetti di utilità collettiva che coinvolgeranno 440 dei 1450 percettori del Reddito

DiRedazione

Gen 21, 2020

Si passa alla “fase 2” del Reddito cittadinanza. Con la pubblicazione del decreto del ministero del Lavoro 22 ottobre 2019, nella Gazzetta ufficiale dell’8 gennaio 2020, i percettori del Reddito di cittadinanza saranno tenuti a svolgere i cosiddetti Puc, ovvero i progetti utili alla collettività, nel Comune in cui risiedono. Gli aventi diritto dovranno dare la loro disponibilità, per almeno 8 ore settimanali e nell’ambito del Patto per il lavoro e del Patto per l’inclusione sociale, a svolgere attività non retribuite in svariati ambiti. Si va dall’assistenza domiciliare alle persone anziane alla manutenzione del verde pubblico. I lavori verranno svolti in ambito culturale, sociale, artistico e anche ambientale, oltre che di tutela dei beni comuni.

Su iniziativa dell’assessore comunale al Welfare e vicesindaco, Concetta Mancuso, mercoledì 22 gennaio, alle 11,30, negli uffici dell’assessorato (ex Educandato San Luigi), si terrà una conferenza di servizio dei dirigenti alla presenza degli assessori per l’elaborazione dei Puc per i fruitori del reddito di cittadinanza. In un primo “step” saranno coinvolti 440 beneficiari su un totale di 1450.