• 27/05/2024 13:45

Centro Caltagirone | Turismo, Aziende, Eventi | La tua guida completa a Caltagirone e dintorni

Blog - Centro Caltagirone | La tua guida completa a Caltagirone e dintorni | Turismo, Aziende, Eventi | Portale Calatino Network dal 2005 online

Recupero scolastico, attività educative e socializzanti per bambini e ragazzi, col progetto “Accorciamo le distanze”, nelle parrocchie San Giacomo e San Giovanni Bosco, nell’istituto “Maria Ausiliatrice” e alla “Città dei Ragazzi”

DiRedazione

Dic 15, 2019

 

 Sono quattro – nelle parrocchie San Giacomo e San Giovanni Bosco, alla Città dei Ragazzi e all’istituto “Maria Ausiliatrice” -, i centri di accompagnamento educativo in cui si svolgono le attività pomeridiane di recupero scolastico e di animazione sociale e culturale che coinvolgono complessivamente un centinaio fra bambini e ragazzi delle scuole elementari e medie inferiori. E’ quanto stabilito nell’incontro fra i soggetti firmatari del protocollo d’intesa per la prosecuzione del progetto “Accorciamo le distanze – Accompagnamento educativo e sostegno alla frequenza scolastica”: lo stesso vicesindaco, il dirigente del settore Renzo Giarmanà, i rappresentanti del Servizio di Neuropsichiatria infantile del Distretto 13 dell’Asp di Catania (che curano la formazione di volontari, insegnanti e genitori), i responsabili dei quattro centri e i docenti referenti degli istituti comprensivi “Piero Gobetti”, “Alessio Narbone”, “Maria Montessori” e “Giorgio Arcoleo – Vittorino da Feltre”.

 

 Le attività in questione hanno come fruitori i giovanissimi che, in base alle segnalazioni delle scuole e/o dei Servizi sociali comunali, necessitano di un supporto educativo e affettivo a integrazione di quello familiare. I volontari sono impegnati per aiutare i minori nello svolgimento dei compiti e nella realizzazione di iniziative di carattere musicale, teatrale, sportivo e ricreativo. L’assessore comunale al Welfare e vicesindaco Concetta Mancuso sottolinea “l’importanza di questa azione improntata alla piena collaborazione tra le istituzioni pubbliche, le parrocchie e le associazioni di volontariato per arginare fenomeni complessi come quelli del disagio minorile e della dispersione scolastica. Siamo impegnati a dare un nuovo impulso alle attività di promozione della crescita psicologica, culturale e relazionale dei minori”. “L’obiettivo prioritario – afferma il sindaco Gino Ioppolo – è contrastare l’insuccesso scolastico, contribuire a far recuperare e/o accrescere l’autostima dei bambini e ragazzi coinvolti e a far maturare una sempre più piena consapevolezza dei valori della convivenza civile, superando il rischio di marginalità e devianze”.