• 17/06/2024 14:29

Centro Caltagirone | Turismo, Aziende, Eventi | La tua guida completa a Caltagirone e dintorni

Blog - Centro Caltagirone | La tua guida completa a Caltagirone e dintorni | Turismo, Aziende, Eventi | Portale Calatino Network dal 2005 online

Piano di Zona 2019-2020 a favore delle fasce più deboli: dopo le integrazioni le risorse superano il milione di euro

DiRedazione

Mar 11, 2020

Dopo le integrazioni della Regione siciliana, le risorse previste per il Piano di Zona 2019 –
2020 del Distretto socio – sanitario D13 a favore delle fasce più deboli della popolazione si
accrescono, passando da 789mila euro a 1.002.343,16 euro. I Comuni interessati (il Distretto
comprende Caltagirone quale capofila, Grammichele, Vizzini, Mirabella Imbaccari, Mineo, San
Michele di Ganzaria, Mazzarrone, San Cono e Licodia Eubea) hanno pertanto approvato (o stanno
per approvare) una nuova deliberazione che tiene conto delle somme adesso a disposizione. E’ il
caso di Caltagirone che, con provvedimento della Giunta municipale, ha dato il via libera al nuovo
Piano, con la seguente ripartizione delle risorse per il biennio: 415.621,96 euro per l’area Infanzia e
Adolescenza; 162.746,38 per il rafforzamento del sistema socio – sanitario; 383.141,61 destinati
alle aree povertà, anziani e disabili, 19.976,62 all’assistenza tecnica e 20.856,59 al potenziamento
della struttura amministrativa.
Fra le iniziative previste rientrano: l’inclusione socio-lavorativa, le attività socializzanti e
ricreative per i disabili; l’educativa domiciliare a sostegno delle famiglie “difficili”, l’assistenza
all’autonomia e alla comunicazione e centri di accompagnamento educativo e supporto alla
frequenza scolastica; l’assistenza domiciliare agli anziani, il contrasto alla povertà e all’esclusione
sociale e il servizio di mediazione linguistica e culturale. Rispetto al passato, cifre più consistenti
saranno spese a favore dei minori, ma anche gli anziani avranno congrue attenzioni.
“Le categorie dei beneficiari – sottolinea l’assessore Concetta Mancuso – sono le più fragili
e, in questo contesto, particolare attenzione viene riconosciuta ai minori. Quella che investe i più
giovani, infatti, è anche nel nostro territorio un’emergenza, che siamo impegnati a prevenire e
fronteggiare“. Si continua a lavorare con risultati tangibili, riconoscendo come prioritari gli
interventi per combattere il disagio. In questo quadro, si conferma determinante, per una sempre
maggiore efficacia delle azioni in campo, la forte sinergia creatasi fra amministrazioni, volontariato
e altre espressioni del terzo settore”.