• 24/04/2024 11:26

Centro Caltagirone | Turismo, Aziende, Eventi | La tua guida completa a Caltagirone e dintorni

Blog - Centro Caltagirone | La tua guida completa a Caltagirone e dintorni | Turismo, Aziende, Eventi | Portale Calatino Network dal 2005 online

Coronavirus, Arcuri: “Possiamo reggere picchi superiori a prima fase” 

DiRedazione3

Apr 29, 2020
Coronavirus, Arcuri: Possiamo reggere picchi superiori a prima fase

Oggi “siamo attrezzati a reggere picchi anche superiori a quelli della prima fase”. Lo ha detto il commissario per l’emergenza coronavirus Domenico Arcuri in audizione davanti alle commissione riunite Finanze e Attività Produttive.

Tuttavia questa “è una crisi che ha caratteristiche, dimensioni e durata del tutto imprevedibili”, ha sottolineato Arcuri ribadendo comunque che “il nostro Paese, anche in comparazione con quanto fatto da altri, sta gestendo l’emergenza con modalità e strumenti largamente sufficienti a fronteggiarla. Nella consapevolezza che nessuno strumento al momento è in grado di sconfiggere l’epidemia”.

Sono stati “distribuiti alle Regioni nell’ultimo mese 4200 ventilatori, cioè più del doppio di quelli che servono in questo momento. Potremmo arrivare anche a raddoppiare questo numero in pochi giorni. In questo momento – ha spiegato – non li distribuiamo, non solo perché non servono ma anche perché non sappiamo dove saranno gli eventuali, e speriamo che non ci siano, maggiori focolai”.

I posti in terapia intensiva in Italia erano 5200 all’inizio della crisi, oggi sono oltre 9000, uno sforzo straordinario – ha sottolineato. I posti delle malattie infettive pneumologiche che erano circa 30mila sono oggi moltiplicati per sei”.

E ancora: “le Regioni hanno già in deposito 47 milioni di mascherine che gli abbiamo fornito. Sul territorio – ha proseguito Arcuri – sono già approntati dei depositi regionali e gli uffici del commissario hanno 4 depositi nei quali vengono stoccati questi dispositivi che poi – ha spiegato – vengono progressivamente distribuiti quando servono”.

Insomma, ha rivendicato il commissario straordinario, “abbiamo fatto un buon lavoro che comincia a vedere i suoi primi frutti”. Ma perché la produzione nazionale di dispositivi di produzione individuale sostituisca le importazioni, “secondo le nostre valutazioni, servirà almeno arrivare alla fine dell’estate”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.