• 29/05/2024 3:22

Centro Caltagirone | Turismo, Aziende, Eventi | La tua guida completa a Caltagirone e dintorni

Blog - Centro Caltagirone | La tua guida completa a Caltagirone e dintorni | Turismo, Aziende, Eventi | Portale Calatino Network dal 2005 online

Consiglio comunale dei ragazzi: partita la macchina organizzativa, venerdì 15 novembre le nuove elezioni

DiRedazione

Ott 14, 2019

E’ partita la macchina organizzativa in vista delle elezioni per il rinnovo del Consiglio comunale dei ragazzi, l’organo che, promosso dall’assessorato comunale alle Politiche scolastiche e giovanili, collabora con le istituzioni pubbliche nella programmazione e realizzazione di attività finalizzate alla difesa dei giovani e al miglioramento delle loro condizioni sociali e culturali. Dalla riunione fra l’assessore Concetta Mancuso e i referenti delle diverse scuole – anche quest’anno aderiscono all’iniziativa i quattro istituti comprensivi e l’istituto “Sacro Cuore” – è scaturita l’indicazione della tempistica degli adempimenti, che prevede la presentazione delle liste entro il 4 novembre, lo svolgimento della campagna elettorale dal 5 al 14 novembre e il voto nella giornata del 15 novembre, dalle 8,30 alle 13,30. Hanno diritto al voto e possono essere eletti gli studenti di quarta e quinta elementare e quelli di scuola media (prime, seconde e terze classi). Venti – quattro per ciascun istituto – i consiglieri da eleggere.

 “Riproponiamo – afferma l’assessore Mancuso – un’iniziativa che si sta dimostrando un’importante opportunità, per bambini e ragazzi, per esercitare in concreto il proprio diritto di espressione nelle materie che li riguardano più da vicino, ma che rappresenta anche uno stimolo, per gli adulti, a tenere in seria considerazione le idee, i progetti e le proposte dei cittadini più piccoli”. “Dando la giusta continuità al Consiglio dei ragazzi – sottolinea il sindaco Gino Ioppolo – intendiamo proseguire su una strada che ha già dato buoni risultati, per favorire un’idonea crescita socio-culturale da parte dei giovanissimi, nella piena consapevolezza dei propri diritti e doveri verso le istituzioni. “La loro partecipazione al funzionamento delle istituzioni pubbliche – rileva il presidente del Consiglio comunale Massimo Alparone – concorre a educarli alla conoscenza e al rispetto delle regole democratiche e a farli crescere, maturando significative esperienze di confronto con coetanei e adulti”.