Saldo Tari 2019: si paga entro il 16, ma nessun onere aggiuntivo se si provvede comunque entro il 29 febbraio

I cittadini di Caltagirone ricevono in questi giorni gli avvisi di pagamento del saldo della Tari 2019, la tassa relativa al servizio di smaltimento dei rifiuti. A darne notizia è il Servizio Tributi del Comune. Il pagamento va fatto con il modello F24, già compilato e allegato all’avviso stesso, entro domenica 16 febbraio. Nessun aggravio, né in termini di interessi, né di sanzioni, è comunque previsto per coloro che riceveranno l’avviso dopo il 16 e che, comunque, provvedano al versamento entro il 29 febbraio.

Quanto dovuto a saldo della Tari è calcolato con le tariffe 2019, approvate con determina dirigenziale n. 892 del 16 dicembre 2019 sulla base del piano finanziario approvato con delibera consiliare n. 27 del 15 aprile 2019, dal quale sono stati scomputati gli importi dovuti in acconto e scaduti il 16 marzo, il 16 maggio, il 16 luglio e il 16 settembre 2019.

Nello stesso avviso è stata contabilizzata e applicata la riduzione della Tari dal 2017 ai nuovi contribuenti che hanno praticato il compostaggio domestico. Le posizioni dei destinatari degli avvisi di accertamento emessi nel 2018 per omessa/infedele dichiarazione della Tassa rifiuti dal 2012 al 2016 saranno regolarizzate successivamente.

Il tributo deve essere pagato da tutti coloro che possiedono, occupano e detengono locali e aree suscettibili di produrre rifiuti urbani e assimilati. Sussiste l’obbligo di presentazione della dichiarazione entro 90 giorni da quando è iniziato il possesso, l’occupazione, la detenzione, la variazione, la cessazione dei locali, il diritto alla riduzione/esenzione, secondo quanto previsto dal regolamento Tari.

Dal Servizio Tributi si ricorda l’importanza del concorso di tutti: “Se aumenterà la percentuale della raccolta differenziata e se i contribuenti saranno tutti censiti, potrà essere garantita una significativa riduzione della Tari”.

Nell’ambito dei processi di innovazione, digitalizzazione e semplificazione amministrativa, è stata attivata la postalizzazione elettronica e i cittadini che hanno comunicato i propri indirizzi pec e/o e-mail hanno ricevuto via e-mail o pec gli avvisi riguardanti il saldo Tari 2019. Coloro che sono in possesso di posta elettronica sono invitati a comunicare al Servizio Tributi i propri indirizzi pec e/o e-mail in cui ricevere gli avvisi di pagamento e ogni altra corrispondenza.

Ciò, come si evidenzia dal Servizio Tributi, consentirà di migliorare la comunicazione, rendere più trasparenti e immediati i rapporti con i contribuenti (ovviando anche i problemi dello smarrimento o del mancato recapito), di perseguire obiettivi di efficacia, efficienza, semplificazione, spending review, di registrare un notevole risparmio sui costi delle spedizioni postali, della stampa e della carta.

Il modello da utilizzare è disponibile sul sito web del Comune www.comune.caltagirone.gov.it

Ogni richiesta di rateizzazione, rettifica/annullamento, rimborso, discarico, variazione e ogni altra comunicazione dovrà essere inviata ai seguenti indirizzi: per posta al Comune di Caltagirone – Servizio Tributi – Piazza Municipio n. 5, 95041 Caltagirone (CT), oppure consegnata a mano al protocollo del Comune; infine, nel caso di ricorso alla pec, unicamente al seguente indirizzo: protocollo.caltagirone@pec.it “Per qualsiasi informazione e chiarimento gli utenti possono rivolgersi all’Ufficio Tari che, per razionalizzare i tempi, riceve esclusivamente su appuntamento, telefonando al numero 0933 41314 da lunedì a venerdì, dalle 10 alle 13. Si raccomanda la puntualità del pagamento e si invitano i cittadini ancora non in regola con i pagamenti, a regolarizzare le loro posizioni”.

Il regolamento Tari e la modulistica sono disponibili sul sito web del Comune www.comune.caltagirone.gov.it

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com