Seguici sui i Social 

    

Aggrappato ad un fianco della Montagna della Ganzaria, del cui nome ne ha fatto l'appendice del proprio, San Michele di Ganzaria, appunto, guarda da una posizione privilegiata lo spettacolare dispiegarsi delle propaggini meridionali degli Erei, le ondulazioni, i saliscendi nervosi di un terreno modellato da una natura qui felicemente capricciosa, come lo sono del resto spesso i grandi artisti nei loro momenti creativi migliori.  Ed ecco che il capriccio si mostra per quello che in effetti è: un virtuosismo che a San Michele di Gazaria ha regalato panorami disegnati con tratti forti, magari aspri, ma certo dalle irresistibili suggestioni. Suggestioni che rapiscono, quelle dei luoghi, le cui denominazioni a loro volta ne suscitano delle altre evocando un passato segnato dai Saraceni, ed a partire proprio da Ganzaria, dall'arabo hianzaryak, ossia cinghialeria (dagli animali che evidentemente popolavano queste zone); ed ancora, ecco le contrade Giarrizza, da giara, il recipiente in coccio, e Favara, da fawarah, sorgente, e Cuba, da qubba (cupola). E proprio la toponomastica lascia ritenere che siano stati appunto gli Arabi a fondare, intorno all'anno 1000, l'attuale paese. Certo è che poi v'abitarono gli Angioini, ai quali si deve la costruzione nel XIII secolo dell'odierna Chiesa Madre, precedentemente nota col nome di "Tempio dei Francesi".  Successivamente, al terra di Ganzaria, costituita in baronia, passò di mano in mano a diverse famiglie, pervenendo infine ai potenti Gravina, un cui esponente, don Antonio detto "Il bellicoso", dopo che l'originario casale, alla fine del '400, era andato distrutto, lo fece ricostruire permettendovi l'insediamento di un gruppo d'esuli greco-albanesi. Era il 25 settembre del 1534, e gli esuli, trenta famiglie, s'impegnavano a costruire entro un anno case in muratura, mentre don Antonio concedeva cento bovini e cento salme di frumento da pagarsi in tre anni. Il casale, detto da allora "dei Greci", si consolidò così in paese, rimanendo dei Gravina fino al 1812, anno dell'abolizione delle feudalità. E' dai ruderi del cinquecentesco Castello ducale dei Gravina che si avvia la nostra passeggiata nel centro storico di San Michele di Ganzaria. Doverosamente, visto che proprio alla famiglia dei Gravina si legarono per secoli le sorti del paese. Quel che resta del Castello s'affaccia sull'odierna Piazza Umberto I: slargo ideale per parcheggiare l'automobile, dopo che dalla Statale 124, trasformatasi in via Vittorio Veneto all'ingresso del centro abitato, ci si è immessi prima sulla via Luciano Manara e quindi, superata piazza Vittorio Emanuele, dove si trova l'ex Palazzo Comunale di cui diremo tra breve, sulla via Umberto I. Del Castello, originariamente con merli in muratura e con balconi e finestre, oggi rimane parte dei muri perimetrali, conservatisi soprattutto sul lato nord, dove s'osservano i resti di un balcone del piano superiore, e sul lato est, che mostra ancora un merlo ed un tratto del camminamento di ronda. Dalla piazza Umberto I, attraverso l'omonima via rapidamente si raggiunge la piazza Vittorio Emanuele. Qui troviamo l'ex Palazzo Comunale, edificato nei primi anni Novecento richiamando architetture medievali, come attestano bifora, trifora e stemmi araldici, che ne arricchiscono il prospetto. Il prolungamento di via Umberto I, oltrepassata la piazza, diventa via Roma, la strada principale del paese. E sulla via Roma innanzitutto ci si imbatte nella Chiesa del Rosario, già detta di Sant'Antonio. Realizzata nella seconda metà del cinquecento ma poi rifatta nel settecento, ha il portale d'ingresso, ad arco, che dà sulla via Principe di Piemonte, e presenta un prospetto semplice ed un campanile aggiunto nell'ottocento. Nell'interno, dalla navata unica, oltre al prezioso altare maggiore in marmo, custodisce pregevoli statue e tele ad olio, nonché stucchi ed affreschi settecenteschi. Scendendo per via Roma, poco più avanti, in piazza Garibaldi, ecco la bella fontana costruita nel 1880 su disegno dell'ingegnere calatino Giambattista Nicastro. Su una grande vasca, dal cerchio diviso in quattro sezioni da altrettante sculture raffiguranti un serpente dal volto di drago, al centro si alza una colonnina, con scolpiti quattro cigni che poggiano ciascuno su una tartaruga, che regge un catino, il quale a sua volta, con una colonnina in forma di delfini intrecciati, ne sostiene un altro più piccolo. Dalla piazza Garibaldi, la via dei Greci conduce alla Chiesa Madre, l'antico "Tempio dei Francesi" o "fanum gallorum". Realizzata appunto dagli Angioini nel XIII secolo, la chiesa, originariamente di piccole dimensioni, successivamente venne ampliata e ristrutturata in più occasioni, e particolarmente abbellita ed arricchita nella prima metà dell'ottocento anche grazie alle 100 monete d'oro che i reali di Napoli, Ferdinando II di Borbone e Maria Teresa d'Asburgo-Lorena, lasciarono in dono, a conclusione di una loro visita al tempio, affinché venisse rifatto il pavimento. Dedicato al patrono San Michele Arcangelo, l'edificio oggi si offre con un prospetto di stile gotico-cistercense, unico esempio in Sicilia. Nella sua parte superiore esso è ornato da archi intrecciati, mentre sui due lati svettano altrettante torri. L'interno, a croce latina con tre navate e l'abside, è decorato riccamente con affreschi e stucchi e conserva reliquie sacre, oltre che un gran numero di tesori d'arte: tra questi ultimi, un Crocifisso in legno a grandezza naturale donato al paese nel 1336 dal beato Guglielmo ed un bellissimo fonte battesimale del seicento costruito in pietra pece. Il fonte, dalla base ottagonale e con quattro putti che ne reggono la vasca, al cui interno una conchiglia  simboleggia l'eternità, in pessime condizioni dopo un lungo abbandono, è stato di recente riportato all'antico splendore grazie ad un accurato lavoro di restauro concretatosi per l'interessamento della locale Pro Loco. A ritroso, adesso, da via dei Greci si torna in piazza Garibaldi per poi raggiungere, sulla via Roma, l'edificio scolastico, costruito negli anni Trenta su progetto dell'ingegnere calatino Saverio Fragapane, tra i più apprezzati dell'epoca. il Palazzo, imponente, è un tipico esempio dell'architettura di quegli anni e colpisce per la sua ordinata bellezza.

Facebook Fan: Centro Caltagirone

Idrosanitari - Pavimenti - Materiale Edile - Caltagirone - Catena srl

WEB AGENCY - CALTAGIRONE- WEB MASTER

Scienze

Sky News Tg24 - tg24 scienze

Sky News Tg24 - tg24 scienze

Tecnologia

Sky News Tg24 - tg24 tecnologia

Sky News Tg24 - tg24 tecnologia

Salute e Benessere

Sky News Tg24 - tg24 salute-e-benessere

Sky News Tg24 - tg24 salute-e-benessere

Più letti

Mercoledì, 08 Febbraio 2017
Vizzini Presentazione Città
Mercoledì, 08 Febbraio 2017
Caltagirone la Città
Mercoledì, 08 Febbraio 2017
Grammichele Presentazione Città
Mercoledì, 08 Febbraio 2017
Castel di Judica Presentazione Città
Mercoledì, 08 Febbraio 2017
Mazzarone Presentazione Città

Motori

Sky News Sport - sport motori

Sky News Sport - sport motori

Ultime news

Mercoledì, 08 Febbraio 2017
Vizzini Presentazione Città
Mercoledì, 08 Febbraio 2017
Caltagirone la Città
Mercoledì, 08 Febbraio 2017
Castel di Judica Presentazione Città
Mercoledì, 08 Febbraio 2017
Grammichele Presentazione Città
Mercoledì, 08 Febbraio 2017
Licodia Eubea Presentazione Città

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. sono già stati impostati i cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information